Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Nuova procedura telematica per le richieste di cittadinanza a seguito di matrimonio

Si comunica che a decorrere dal 1 Agosto 2015 le domande di cittadinanza per matrimonio, ai sensi dell’art. 5 legge n. 91 del 05.02.1992, DOVRANNO ESSERE PRESENTATE DIRETTAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE DAGLI INTERESSATI ONLINE.

Il richiedente deve essere titolare di permesso di residenza giordano valido e il coniuge italiano deve essere iscritto presso questa Ambasciata italiana e iscritto all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (A.I.R.E.).

La procedura prevede che il richiedente si registri sul portale dedicato denominato ‘’ALI’’ (clicca qui).

Nel modulo di registrazione vanno inseriti COGNOME – NOME – DATA DI NASCITA presenti sull’atto di nascita.
Per inserire la domanda si dovrà selezionare la funzione 1 – Gestione domanda e selezionare il modello AE.

L’utente dovrà compilare tutti i campi previsti dal modulo e caricare i seguenti documenti obbligatori:

DOMANDA (fare click qui per scaricarla) debitamente compilata e NON FIRMATA (la firma andrà apposta in Ambasciata).

ESTRATTO PER RIASSUNTO DELL’ATTO DI MATRIMONIO che deve essere rilasciato dal Comune italiano ove risulta iscritto il cittadino italiano.
Anche i matrimoni celebrati all’estero devono risultare registrati presso il Comune italiano.
Se il matrimonio è stato registrato in Italia tramite questa Ambasciata e questo Ufficio è in possesso degli estremi della relativa trascrizione, non è necessario presentare questo certificato.
Si consiglia, prima di richiederlo, di verificare con questo Ufficio.

ATTO INTEGRALE DI NASCITA dell’istante legalizzato e tradotto in italiano.
La legalizzazione e traduzione deve essere effettuata dal Consolato italiano competente nel Paese che ha rilasciato il certificato.
L’atto di nascita non ha scadenza.

CERTIFICATO PENALE DEL PAESE di origine e di ogni altro Paese ove si è risieduto, prima di trasferirsi in Giordania, a partire dai 14 anni.
La legalizzazione e la traduzione deve essere effettuata dal Consolato italiano competente nel Paese che ha rilasciato il certificato.
Questi certificati hanno una validità di 6 mesi.

CERTIFICATO PENALE GIORDANO da richiedere presso queste Autorità, debitamente tradotto in lingua italiana, dovrà essere legalizzato e la traduzione resa conforme da questa Ambasciata.

RICEVUTA DI PAGAMENTO DI EURO 200.
Questo contributo deve essere effettuato in Banca tramite bonifico con i seguenti dati:
Beneficiary Account Name:
MINISTERO DELL’INTERNO D.L.C.I. – CITTADINANZA
Reason for payment:
Citizenship Application name ad surname of the payee
IBAN code:
IT54D0760103200000000809020 Receiving Bank Name : POSTE ITALIANE S.P.A. – BIC/SWIFT code: BPPIITRRXXX.

PASSAPORTO originale del richiedente.

L’utente potrà salvare, modificare, eliminare oppure inviare la domanda completata.

L’Ambasciata, esaminata l’istanza, potrà:
– Accettare la domanda.
– Chiedere ulteriore documentazione o rettifica di quella presentata.
– Rifiutare l’istanza.

Dopo che la domanda sarà accettata, il richiedente sarà convocato in Consolato per consegnare la documentazione in originale, e pagare le dovute percezioni consolari.